Gruppo di lavoro indipendente per ambienti a rischio di esplosione. Attività di ricerca, sperimentazione, consulenza, assistenza alle aziende e formazione. Informazione e documentazione sulle direttive Atex e la tutela della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Gruppo di lavoro per la sicurezza in ambienti a rischio di esplosione. Norme di sicurezza e direttive Atex per Aziende e Imprese. Corsi di formazione, Seminari e Incontri
 
  Chi Siamo  
  L'Associazione  
  Etica e Responsabilità  
  Il Progetto  
  Contattaci  
  Reportage Gruppo di Lavoro  
  Gruppi di Lavoro  
  Comitati di Studio  
  In Programma  
  Archivio  
  Servizi e nuove Proposte  
  Documentazione  
  Quadro Normativo  
  Area Download  
  Archivio Audiovisivo  
  Direttive ATEX  
  Materiali, Zone e Categorie ATEX  
  Analisi delle Esplosioni  
  Border Line  
  La Filiera ATEX  
  Prodotti ATEX  
  Valutazione del Rischio ATEX  
  Certificazioni ATEX  
  Ispezioni e Controlli ATEX  
  Aziende a Rischio ATEX  
  Partners Tecnici  
  Partecipazioni Istituzionali  
  Media Partners  
 
  Richiesta Informazioni  
  Vuoi diventare nostro Partner?  
  Vuoi diventare Socio?  
  Regolamento ed Istruzioni  
 
 
 
 
 


26 Settembre 2013 - MILANO (MI)

Safety Maintenance and Hygiene requirements of Pharma, Food, Chemical & Cosmetic production's Areas
ATEX DAY MILANO

Obiettivi dell'evento

Il seminario, organizzato con l’Associazione USI, ha fornito una panoramica sulle norme e sulle regolamentazioni riguardanti la sicurezza dei prodotti destinati al settore Farmaceutico, Chimico, Alimentare, Cosmetico, ed altri ambienti di produzione potenzialmente pericolosi, con enfasi particolare sulla scelta dei prodotti o delle soluzioni testate e certificate per l’utilizzo in specifiche applicazioni di questi settori. Particolare attenzione è stata rivolta ai cambiamenti effettuati sulle norme, compreso il D.lgs. 81/08 in Italia, ed è stata fornita una panoramica del quadro legislativo europeo, in particolare ATEX, PEX e Direttiva Macchine.

Il programma della conferenza è stato caratterizzato da un mix di esperti del settore che hanno portato le loro conoscenze ed esperienze per garantire la sicurezza dell’impianto ad ogni livello. Nonostante le direttive a livello mondiale ed una maggiore conoscenza e consapevolezza, gli incidenti continuano a verificarsi a causa di sviste, mancanza dei requisiti di sicurezza ed errori umani.

Sotto la Direttiva ATEX, le aree classificate come zone pericolose devono mitigare tutte le potenziali fonti di innesco e di elettricità statica. Come pratica generale è stata adottata a lungo la formazione degli operatori, ma quando si parla di sicurezza, in particolare nelle aree a rischio, è essenziale che tutto il personale sia ben attrezzato e sia a conoscenza delle direttive operative per garantire la propria sicurezza e proteggere l’impianto da una potenziale distruzione. Una serie di informazioni tecniche ha permesso al partecipante della conferenza di individuare come i prodotti, gli impianti o i requisiti di installazione vengono progettati in base alla determinazione dei limiti e dei parametri ambientali attraverso la valutazione del rischio e dell’analisi di processo, arrivando così alla formulazione di una piano di gestione (con il nuovo metodo “EX Class”) nell’ambito di un controllo di sistema di qualità.

Con la corretta gestione delle norme igieniche, le industrie Farmaceutiche, Chimiche, Alimentari e Cosmetiche possono trarre vantaggio riducendo i costi ed aumentando l’efficienza, la qualità dei prodotti e la sicurezza degli operatori. Il progetto “ATEX ITALIA” e tutto il Gruppo di Lavoro USI dei professionisti “At.Ex.” può rispondere alle esigenze trasversali di tutti colori che lavorano con le “questioni” potenzialmente esplosive di questi particolari settori.

Le aziende possono utilizzare comportamenti etici per proteggere il loro business, prendendo decisioni che consentono alle agenzie governative di ridurre al minimo il loro coinvolgimento all’interno della società. Per esempio, se una società rispetta le linee guida europee in materia di emissioni inquinanti pericolosi e si impegna ad affrontare questi problemi con la comunità, minori saranno le probabilità di un’indagine da parte dello Stato in materia ambientale. Un elemento significativo del pensiero attuale sulla privacy, tuttavia, preferisce la “autoregolamentazione” piuttosto che la sorveglianza del mercato o meccanismi governativi per la protezione dei dati personali. Secondo alcuni esperti, la maggior parte delle norme e dei regolamenti è dovuto a proteste pubbliche che minacciano la massimizzazione del profitto e quindi il benessere degli stakeholder, quindi se non c’è sensibilizzazione pubblica spesso la regolamentazione in materia sarà limitata.

L’Associazione U.S.I. ha promosso l’approccio “Corporate Social Responsibility” come una delle strategie di gestione più recenti, in cui le aziende cercano di creare un impatto positivo sull’opinione pubblica facendo business. Questo spetta non solo alle organizzazioni di imprese, ma anche a tutti coloro che compiono azioni con impatto ambientale.

(Click here to See details in english language)

 

Programma degli interventi e relatori (cliccate sugli interventi per aprire il contributo Pdf):

ORARIO DEI LAVORI: 9:45 - 12:00

 

 


 

Vai alla pagina QUADRO NORMATIVO per conoscere in dettaglio la normativa in Europa e nel mondo.

 

  IN PRIMO PIANO (EVENTI E NOVITA')
   
     
 
 
     
 

 SERVIZI

Gentile Visitatore, presentiamo il doumento generale di presentazione della nostra associazione.

Cliccate qui per visualizzarlo

 
     
 
Gruppo di Lavoro per la Sicurezza in ambienti a rischio di esplosione
[Working Group for Safety in hazardous areas]:  Tel. +39(0)51.5875720  |  Email: info@safetyworkingareas.org
Associazione USI [Unione Sicurezza Informazione]: Via Libertà, 34 - 27027 Gropello Cairoli (Pavia) - Cod.Fiscale 03109171201

Copyright © 2012 SafetyWorkingAreas.Org - All rights reserved  |  Policy Privacy  |  Designed and Powered by BudaBuda Factoring