Gruppo di lavoro indipendente per ambienti a rischio di esplosione. Attività di ricerca, sperimentazione, consulenza, assistenza alle aziende e formazione. Informazione e documentazione sulle direttive Atex e la tutela della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Gruppo di lavoro per la sicurezza in ambienti a rischio di esplosione. Norme di sicurezza e direttive Atex per Aziende e Imprese. Corsi di formazione, Seminari e Incontri
 
  Chi Siamo  
  L'Associazione  
  Etica e Responsabilità  
  Il Progetto  
  Contattaci  
  Reportage Gruppo di Lavoro  
  Gruppi di Lavoro  
  Comitati di Studio  
  In Programma  
  Archivio  
  Servizi e nuove Proposte  
  Documentazione  
  Quadro Normativo  
  Area Download  
  Archivio Audiovisivo  
  Direttive ATEX  
  Materiali, Zone e Categorie ATEX  
  Analisi delle Esplosioni  
  Border Line  
  La Filiera ATEX  
  Prodotti ATEX  
  Valutazione del Rischio ATEX  
  Certificazioni ATEX  
  Ispezioni e Controlli ATEX  
  Aziende a Rischio ATEX  
  Partners Tecnici  
  Partecipazioni Istituzionali  
  Media Partners  
 
  Richiesta Informazioni  
  Vuoi diventare nostro Partner?  
  Vuoi diventare Socio?  
  Regolamento ed Istruzioni  
 
 
 
 
ETICA E RESPONSABILITA'

 

U.S.I. promuove un approccio etico al sapere sulla sicurezza sul lavoro: il sapere come proprietà e patrimonio della umanità. Questo patrimonio viene messo a disposizione di tutti attraverso quanti desiderano offrire il loro contributo alla diffusione della cultura della sicurezza. La condivisione delle competenze è l’unico presupposto utile per una più rapida circolazione delle idee. Lo strumento operativo sarà una piattaforma di contatto "Stakeholder View", che promuova attraverso il proprio rating etico una visione per la quale gli obiettivi e le strategie generali vengono tratte dalle indicazioni istituzionali, così da avere omogeneità di intenti e di percorso. Il coinvolgimento delle parti interessate avviene in questo caso non già per definire gli obiettivi, ma per studiare il modo più consono per realizzarne strategie di gestione, risoluzione o miglioramento. Gli obiettivi primari sono la CONDIVISIONE, il CONFRONTO e la DIFFUSIONE di contenuti tecnici, utili ad aumentare la sicurezza in ambienti a rischio.

I Partner che partecipano al progetto perseguiranno le seguenti linee guida:

  • Responsabilità: l’organizzazione deve assumersi la responsabilità del suo impatto sulla società e sullo sviluppo della cultura sulla sicurezza. Deve accettare eventuali controlli ed ha il dovere di risponderne;
     
  • Trasparenza: l’organizzazione deve essere trasparente in tutte le sue decisioni ed attività, in particolare in relazione alla sua natura, ai suoi obiettivi, ai risultati in termini di responsabilità sociale. Nella sicurezza sul lavoro i segreti professionali non devono avere priorità;
     
  • Etica: l’organizzazione deve comportarsi sempre in modo onesto, equo e integro moralmente. In questo atteggiamento deve essere compreso il rispetto per persone, ambiente, animali e il rispetto delle esigenze di tutti coloro che in qualche modo sono coinvolti nella attività della struttura;
     
  • Rispetto degli stakeholders: l’organizzazione deve identificare tutti coloro che, direttamente o indirettamente, sono coinvolti nelle attività trasversali e avere particolare attenzione per le loro necessità;
     
  • Rispetto della legge: l’organizzazione deve accettare che il rispetto del ruolo della legge è obbligatorio e accettare che nessun individuo o ente è al di sopra di esso;
     
  • Rispetto degli standard di comportamento internazionali: conseguentemente, l’organizzazione dovrà aderire ai principi stabiliti a livello internazionale, e rispettarli il più possibile nel caso in cui operino in nazioni con una legislazione che entri in conflitto con queste norme;
     
  • Rispetto dei diritti umani: l’organizzazione deve riconoscere l’importanza e l’universalità di questi diritti ed evitare di trarre vantaggio da situazioni in cui tali diritti non siano rispettati.

 

LA RESPONSABILITA' SOCIALE

La metodologia operativa del Gruppo di Lavoro intesa come collaborazione eticamente corretta, pone l’accento sull’importanza del confronto come occasione di crescita personale e collettiva; ne consegue quindi un modello comportamentale improntato sulla responsabilità sociale del soggetto non solo per le sue pratiche e attività, ma anche per il dovere di trasferire questo approccio all’indotto e alle organizzazione teoricamente concorrenti.

Il socio U.S.I., partecipando alle iniziative volontarie proposte dall’associazione potrà individuare e comprendere le relazioni fra le caratteristiche della propria organizzazione e la responsabilità che ne consegue; avrà il dovere di comunicare la propria responsabilità sociale per migliorare la propria credibilità attraverso il confronto, per poterla riesaminare e per migliorare le azioni e le pratiche dell’organizzazione stessa in seno alle proprie responsabilità. Il coinvolgimento della comunità fungerà da terreno per la libera circolazione delle idee e la diffusione di tali responsabilità sociali.

La responsabilità sociale si fonda sui seguenti principi:

  • DIRITTI UMANI
  • PRATICHE LAVORATIVE
  • AMBIENTE
  • SICUREZZA SUL LAVORO
  • END USER
  • COINVOLGIMENTO E SVILUPPO DELLA COMUNITA’

 


 

L'INNOVAZIONE CONCETTUALE

La metodologia operativa del gruppo di lavoro, l’approccio etico, i comitati di studio e l’apporto culturale messo in gioco dalle attività dell’associazione U.S.I., rappresentano le fondamenta per un nuova organizzazione delle risorse trasversali in seno ai rapporti che possono (e devono al tempo stesso) instaurarsi fra i vari livelli dell’architettura sociale ed economica del paese.

I punti di innovazione fondamentali sono i seguenti:

  • Un centro informativo per la diffusione e lo sviluppo di nuove competenze regolamentate ed orientate alla verticalità ed alla trasversalità dell’ architettura organizzativa dell’intero comparto coinvolto.
     
  • I rapporti fra le istituzioni vengono ottimizzati attraverso il lavoro e il coordinamento di un’organizzazione dedicata; le risorse umane e strumentali dell’Associazione U.S.I. vengono messe a disposizione di enti, associazioni, istituzioni ed università per incentivare il progresso tecnologico e l’allineamento delle conoscenze in materia di sicurezza e per autogenerare un’organizzazione che permetta di filtrare e rappresentare necessità esplicite di programmazione garantendo riservatezza e trasparenza nei rapporti.
     
  • Le reali esigenze degli end-user vengono continuamente censite al fine di mappare le problematiche irrisolte e permetterne percorsi risolutivi; il censimento avviene tramite le richieste che pervengono dal portale, dalle visite ed i pre-assestment aziendali, i quesiti raccolti durante i cicli di seminari, la documentazione tecnica presistente, il contributo delle aziende produttrici e dalle esperienze degli organi di vigilanza e ispezione, nonché da qualsiasi attore coinvolto nel problema delle atmosfere potenzialmente esplosive.
     
  • La produzione di materiale formativo e informativo avviene SOLO se i contenuti esposti vengono vagliati da esperti di settore appartenenti a differenti categorie professionali. L’obiettivo è di colmare le lacune generate dalla compartimentazione delle competenze stesse e rendere sostenibile e proficua l’armonizzazione e l’allineamento degli approcci dei differenti attori della filiera (aziende, produttori, consulenti, formatori, utilizzatori, certificatori, responsabili ed ispettori).
     
  • Il dialogo non-competitivo fra assistiti concorrenti trova giustificazione qualora lo sforzo comune sia orientato al progresso tecnologico ed al miglioramento delle condizioni di lavoro in ambienti a rischio (sulla sicurezza la concorrenza non deve rallentare il diffondersi delle misure minime di messa in sicurezza). L’attenzione per la ricerca e diffuzione delle "Best Pratics" esistenti tuttora nel comparto consente di elevare la partecipazione all’iniziativa al fine di definire nel medio termine linee di buona prassi e protocolli condivisi che determinino e valorizzino la qualità dei partecipanti all’iniziativa. L’autodeterminazione di fatto di un gruppo di lavoro riconosciuto per il comparto permetterà di identificare nella cooperazione di lungo termine un occasione di riconoscimento e conseguente garanzia di Qualità.
     
  • Le competenze del comparto istituzionale, degli ispettori dei distretti sanitari locali e dei vigili del fuoco trovano nell’associazione un potenziale mezzo di aggiornamento, condivisione e confronto.
     
  • I documenti ufficiali, frutto del lavoro dei comitati di studio, la vetrina specialistica del portale ed il network dell’associazione forniscono un vantaggio competitivo per i tecnici che aderiscono al progetto. L’associazione infatti orienta le proprie risorse personalizzando l’adesione sugli interessi del singolo assistito.

 

  IN PRIMO PIANO (EVENTI E NOVITA')
   
     
 
Gruppo di Lavoro per la Sicurezza in ambienti a rischio di esplosione [Working Group for Safety in hazardous areas]: Tel. +39(0)51.5875720 | Email: info@safetyworkingareas.org Associazione USI [Unione Sicurezza Informazione]:Via Lucio Giunio Columella 6, 20128, Milano, ITALY - Cod.Fiscale 03109171201 Copyright © 2014 SafetyWorkingAreas.Org - All rights reserved | Policy Privacy | Powered by Fenix snc